Follow usFollow us on facebookFollow us on Twitter
ACI CSAI
Conclusa ad Adria la stagione WSK 2020 con l’assegnazione dei titoli Open Cup
Conclusa ad Adria la stagione WSK 2020 con l’assegnazione dei titoli Open Cup Gallery Adria (ITA)
Sunday, November 29, 2020

Allegati:
Allegate 66 WSK Adria Finals 291120 ITA - 164 Kb

I campioni della WSK Open Cup sono l’olandese Stan Pex (KZ2), l’inglese Taylor Barnard (OK), l’inglese Freddie Slater (OKJ), il polacco Maciej Gladysz (MINI).

Adria (ITA), 29.11.2020
La WSK Open Cup ad Adria ha sancito con un bel successo finale la stagione agonistica 2020 nonostante le difficoltà legate all’emergenza sanitaria Covid-19, e il doppio round di quest’ultimo evento ha saputo esprimere e mettere in evidenza ancora una volta la qualità e la competitività di tanti giovani campioni.

Nell’Open Cup di Adria gli ultimi titoli della stagione WSK 2020 sono stati conquistati grazie al punteggio acquisito nella doppia prova (manches, Prefinale e Finale) con punteggio in crescendo per il Round2. Alla fine i titoli sono andati in KZ2 all’olandese Stan Pex (KR Motorsport/KR-TM Racing-Vega) grazie alla sua vittoria nella finale del Round 2, in OK all’inglese Taylor Barnard (Rosberg Racing Academy/KR-Iame-Bridgestone) autore di una doppietta nelle due finali del Round 1 e Round 2, nella OK- Junior all’inglese Freddie Slater (Ricky Flynn/Kosmic-Vortex-Vega) per la vittoria riportata nella finale del Round-1 insieme al quinto posto nella finale del Round 2, nella MINI al polacco Maciej Gladysz (Parolin Racing/Parolin-TM Racing-Vega) per la vittoria riportata nella finale del Round 1 e il quinto posto ottenuto nella finale del Round 2.

LE FINALI

In KZ2 le due finali vanno a Albanese e Pex, il titolo a Pex.
Nella prima delle due finali è stato l’italiano Danilo Albanese (KR Motorsport/KR-Iame-Vega) ad imporsi dopo un bel duello con il compagno di squadra l’olandese Stan Pex (KR Motorsport/KR-TM Racing), con l’altro olandese Senna Van Walstijn (CPB/Sodikart/TM Racing) terzo sul traguardo dopo essere stato in testa nella prima parte della finale. Fra i protagonisti del weekend lo svedese Viktor Gustafsson (Leclerc by Lennox/BirelART-TM Racing) è stato rallentato da un contatto a inizio gara ed ha concluso solamente ottavo. Nella seconda finale Stan Pex è andato subito al comando per rimanere in testa fin sul traguardo davanti a Senna Van Walstijn, mentre in terza posizione è riuscito ad inserirsi il finlandese Juho Valtanen (KR Motorsport/KR-TM Racing) ai danni di Danilo Albanese. Quinto ha concluso l’altro italiano Leonardo Marseglia (BirelART-TM Racing).
Classifica Finale KZ2: 1. Pex punti 210; 2. Albanese 180; 3. Van Walstijn 160; 4. Leuillet e Gustafsson 111; 6. Valtanen 98; 7. Marseglia 93; 8. Vyacheslav 57; 10. Artamonov 47.

Dominio di Barnard nella OK
Nella categoria OK ha dominato l’inglese Taylor Barnard (Rosberg Racing Academy/KR-Iame-Bridgestone) a punteggio pieno nelle Prefinali e in tutte e due le Finali del Round 1 e 2. Nella prima delle due finali Taylor Barnard ha preceduto l’inglese Marcus Amand (VDK/KR-Iame) autore di una bella progressione fino a guadagnare tre posizioni, mentre per il terzo posto ha avuto la meglio lo svedese Norton Andreasson (Ward Racing/Tony Kart-Vortex) sul finlandese Niklas Pirttilahti (Forza Racing/Exprit-TM Racing). Nella seconda finale Barnard ha fatto gara a sé, davanti a tutti fin sul traguardo. In seconda posizione si è piazzato Norton Andreasson dopo aver vinto il duello con il finlandese Tuukka Taponen (Tony Kart Racing Team/Tony Kart-Vortex). Nelle prime posizioni anche il bulgaro Nikola Tsolov (DPK/KR-Iame) con il quarto posto davanti all’austriaco Charlie Wurtz (Exprit Racing Team/Exprit-Vortex) e a Cristian Bertuca (BirelART Racing/BirelART-TM Racing), con Marcus Amand settimo per una penalizzazione di 5 secondi.
Classifica Finale OK: 1. Barnard punti 263; 2. Andreasson 132; 3. Amand 130; 4. Taponen 116; 5. Tsolov e Pirttilahhti 84; 7. Travisanutto 62; 8. Zhivnov 59; 9. Wurz 57; 10. Revesz 54.

In OKJ a Slater la finale di Round 1 e il titolo, a Stenshorne la finale del Round 2.
Nella OK-Junior è riuscito ad imporsi l’inglese Freddie Slater (Ricky Flynn/Kosmic-Vortex-Vega) proprio negli ultimi metri di gara quando insieme ai due polacchi Tymoteus Kucharczyk (BirelART Racing/RK-TM Racing) e Karol Pasiewicz (BirelART Racing/BirelART-TM Racing) sono riusciti a superare nella volata finale l’inglese Arvid Lindblad (KR Motorsport/KR-Iame) che negli ultimi giri si era portato al comando. Nella seconda finale il duello per la vittoria si è risolto con il successo del norvegese Martinius Stenshorne (Leclerc by Lennox/BirelART-TM Racing-Vega) sull’inglese Maxwell Oliver Doddos (Energy Corse/Energy-TM Racing) che aveva condotto la prima parte di gara. Il terzo posto sul podio è andato a Arvid Lindblad, con il polacco Karol Pasiewicz (BirelART Racing-BirelART-TM Racing) in quarta posizione e Freddie Slater quinto ma con il titolo Open Cup in tasca.
Classifica Finale OKJ: 1. Slater punti 195; 2. Lindblad 164; 3. Pasiewicz 150; 4. Stenshorne 149; 5. Kucharczyk 144; 6. Dodds 129; 7. Weywadt 88; 8. Powell 83; 9. Scognamiglio 51; 10. Matveev 47.

Nella MINI Gladysz e Monza si divido le vittorie, il titolo va a Gladysz.

Incredibili sfide nella MINI, con la lotta per il titolo conclusa solamente al termine della seconda finale. La vittoria nella prima finale del polacco Maciej Gladysz (Parolin Racing/Parolin-TM Racing-Vega) ha offerto una bella opzione per il titolo, grazie anche alla penalizzazione inflitta al russo Gerasim Skulanov (Formula K Serafini/IPK-TM Racing) che aveva tagliato il traguardo in prima posizione. L’olandese René Lammers (Baby Race/Parolin-Iame) nel Round 1 ha ereditato la seconda posizione dopo essere stato in testa nella seconda parte della gara. Qui in terza posizione ha concluso l’asiatico Tiziano Monza (Sauber Karting/KR-Iame), con Emanuele Olivieri (Formula K Serafini/IPK-TM Racing) al quarto posto e Davide Bottaro (AV Racing/Parolin-TM Racing) al quinto. Nella seconda finale Lammers ha inizialmente preso il comando, ma poi ha dovuto lasciare le redini della gara al polacco Jan Przyrowsky (AV Racing/Parolin-TM Racing) e poi a Tiziano Monza che è andato a vincere davanti a Przyrowsky e allo sloveno Aleksandar Bogunovin (Gamoto/Tony Kart-TM Racing), mentre Lammers ha concluso quarto, con Gladysz quinto ma vincitore del titolo.
Classifica Finale MINI: 1. Gladysz punti 202; 2. Monza 183; 3. Lammers 173; 4. Skulanov e Przrowsky 120; 6. Bogunovic 106; 7. Olivieri 101; 8. Hanna 66; 9. Kastelic 65; 10. Cardenas 61.

Tutti i risultati nel sito www.wskarting.it.

WSK Promotion
Ufficio Stampa
press@wsk.it
Ph. Sportinphoto

 


F4Championship.com TKart VegaLe Cont Panta SPARCOMonzainforma.it Kartcom.com Unipro Lap Timer SportInPhoto
ALL NEWS